Follow Us on

F.A.Q

Le recenti normative italiane ed europee sul rendimento energetico dell'involucro edilizio hanno introdotto sul mercato serramenti in grado di offrire elevate prestazioni in termini di risparmio energetico e isolamento acustico degli edifici. Di altrettanta importanza le norme che regolamentano qualità e lavorazione dei vetri; queste si concentrano principalmente sulla resistenza degli stessi e sulla sicurezza in caso di rottura. I parametri prestazionali richiesti dalle normative, devono essere supportati dalla qualità dei materiali e delle tecniche utilizzate per la posa in opera dei serramenti.  
La norma UNI EN14351-1 "Finestre e porta a Norma di prodotto, caratteristiche prestazionali" (marcatura CE dei serramenti) impone al fabbricante "requisiti e tecniche di installazione (sul posto), se il fabbricante non è responsabile dell'installazione del prodotto" ed ha comunque l'obiettivo di mantenere in opera le prestazioni misurate in laboratorio. La norma UNI 10818 "Finestre, porte e schermi. Linee guida generali per la posa in opera" oltre a definire in modo chiaro le figure che intervengono in un cantiere, stabilisce che "il produttore deve fornire all'installatore e/o al costruttore edile, tutte le istruzioni ritenute utili e necessarie, affinché le prestazioni in opera dell'infisso siano il più possibile prossime a quelle ottenute nella fase di produzione". Il D.P.C.M. 05/12/1997 "Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici" fissa i requisiti minimi di isolamento acustico per edifici ed impianti. Il parametro che coinvolge implicitamente il prodotto serramento e la sua istallazione è l'indice di valutazione dell'isolamento standardizzato di facciata D2m,n,T,w[DB]. Nell'articolo 2 del decreto, gli edifici vengono classificati in base alla destinazione d'uso e vengono fissati i valori a cui attenersi per ogni tipo di rumore per ciascuna destinazione d'uso.
Le più recenti tecniche di costruzione degli infissi mirano a ottenere elevate prestazioni in termini di tenuta all'aria, questo per impedire il passaggio di aria umida dall'interno all'esterno attraverso i giunti ed evitare la formazione di condense e muffe sul serramento. È importante che l'involucro edilizio e i giunti di istallazione dei serramenti abbiano una barriera interna continua che impedisca il passaggio dell'aria; un'ulteriore barriera esterna permette inoltre di evitare le infiltrazioni di vento e pioggia.
Il 12 febbraio 2015 è entrata in vigore una revisione della norma UNI 7697 "Criteri di sicurezza nelle applicazioni vetrarie" sancisce i criteri cui attenersi nella scelta del vetro, con riferimento alle caratteristiche prestazionali del vetro, ma anche ai requisiti di sicurezza minimi a garantire l'incolumità dell'utente. La norma si applica a finestre, pareti e porte vetrate, verande, lucernai installati in edifici, residenziali, commerciali o pubblici. La responsabilità per il rispetto della norma ricade, in egual misura, su committente, progettista e fornitore dei componenti edilizi. Il committente non ha facoltà di sospendere l'applicazione della norma, neppure sottoscrivendo una dichiarazione di rinuncia. La norma elenca le tipologie di vetri utilizzabili:
  • Vetro accoppiato di sicurezza: lastre di vetro incollate tra loro mediante pellicola resistente allo strappo, che in caso di frattura lega i frammenti di vetro.
  • Vetro temprato di sicurezza: vetro pretensionato che presenta un'elevata resistenza meccanica. In caso di rottura della lastra, i piccoli frammenti di vetro non risultano taglienti.
La nuova Legge di Stabilità ha prorogato i cosiddetti le agevolazioni fiscali presenti nell'ECOBONUS fino al 31 dicembre 2015, tali incentivi statali permettono di usufruire di detrazioni fiscali del 65% e 50% delle spese sostenute per la riqualificazione energetica e la ristrutturazione della propria abitazione. Nello specifico:
  • detrazione al 65% per gli interventi di riqualificazione energetica, quindi interventi che aumentano il livello di efficienza energetica di edifici esistenti di qualunque categoria catastale;
  • detrazione al 50% per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio (in base a quanto previsto dall'articolo 3 del dpr 380/2001, testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia), fino a una spesa di 96mila euro per unità immobiliare.
Per maggiori informazioni consultate il sito dell’Agenzia delle Entrate